not follow

DISABLE RIGHT KEY

giovedì 8 novembre 2012

Mettimi Sergio (Endrigo)

Non è che abbia voglia di cantare, questi giorni. Piuttosto, di urlare, piangendo forte.

foto del Pulce

Ma la musica abita la casa, quando c'è il Ciccetto: "Mettimi Sergio. Serrrgio Endrrrrrrrrrrrrrrrigo".
Colpa della nonna.
Con la collaborazione di  Vinicius de Moraes, Sergio Endrigo incide nel 1972 un disco di canzoni per bambini dedicate agli animali, "L'arca", con la partecipazione in alcune canzoni di Marisa SanniaVittorio De Scalzi dei New Trolls, e dei Ricchi e Poveri: ricordiamo La paperaLa pulce ma soprattutto la celebre Il pappagallo.

Due anni dopo mette in musica, con la collaborazione di Luis Bacalov, alcune poesie per bambini appositamente scritte da Gianni Rodari per l'album Ci vuole un fiore, la cui canzone omonima diventerà popolarissima presso il pubblico infantile oltre che un successo discografico a 45 giri. Celebri sono ormai i versi "Per fare un tavolo ci vuole il legno, / per fare il legno ci vuole l'albero, / ... per fare tutto ci vuole un fiore"), ma celebri sono rimaste anche Un signore di ScandicciNapoleone, e Mi ha fatto la mia mamma (una sorta di velata educazione sessuale). (Wikipedia)

Difficili da trovare i CD, per noi meglio scaricarli. 
Il Cic ha preso la cattiva abitudine di usare i dischi come pattìne.

Le canzoni preferite? Pulce e Cic: "Un Signore di Scandicci", io: "La Pulce" (giuro)


Nonna: "Le Parole" (Gianni Rodari)


Abbiamo parole per vendere, 
Parole per comprare, 
Parole per fare parole. 

Andiamo a cercare insieme 
Le parole per pensare. 
Andiamo a cercare insieme 
Le parole per pensare. 

Abbiamo parole per fingere, 
Parole per ferire, 
Parole per fare il solletico. 

Andiamo a cercare insieme, 
Le parole per amare. 
Andiamo a cercare insieme 
Le parole per amare. 

Abbiamo parole per piangere, 
Parole per tacere, 
Parole per fare rumore. 

Andiamo a cercare insieme 
Le parole per parlare. 
Andiamo a cercare insieme 
Le parole per parlare.

E quando non ci sono più parole?

8 commenti:

  1. ...si guardano i biondini che pattinano in modo anomalo...che anche se si sta sospesi, c'è chi va avanti in modo buffo, incurante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dio benedica i biondini, che pattinano con i cd invece che con le pattìne, rigandomi il parquet! ;-)

      Elimina
  2. Risposte
    1. secondo me Un Signore di Scandicci è geniale: leggera e profonda insieme. Forte!

      Elimina
  3. Li cerco! Grazie per la segnalazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prego :-), c'è da ringraziare mia mamma più che altro! ;-)

      Elimina
  4. Mi marito l'anno scorso ha "martellato" i bambini di canzoni di Endrigo. Mi ocognato ci prendeva in giro perchè le riteneca "datate".

    io ho trascorso l'infanzia al ritmo de "la casa" e "ci vuole un fiore" .
    Per i miei figli il must è stato "pappagallo".

    Come dice Mammozza, da rivalutare!!

    alessandra

    p.s. non so perchè piangi (anche se credo di aver capito) ma piangere aiuta. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, anche io devo dire che snobbavo alla grande. Prima di fermarmi ad ascoltare meglio. Piango perché una persona a me cara sta male, ecco. Grazie per l'abbraccio

      Elimina

I commenti che mi lasci restano qui, arricchendo il post e questo spazio di condivisione

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...