not follow

DISABLE RIGHT KEY

mercoledì 4 maggio 2011

La tovaglietta di cartoncino plastificato fai da te. Per valorizzare un ricordo o creare con il proprio bambino un regalo personalizzato. TUTORIAL

Anni fa avevamo trovato un paio di fogli di un libro di scuola per bambini con le lettere dell'alfabeto illustrate e colorate. Bello, no?


L'avevamo fatto plastificare ed era diventato l'amata tovaglietta americana per la colazione (e non solo) del Pulce. Qui la vedete con gli angoli già arrotolati dall'uso intenso, accanto alla sabbiera croce-e-delizia del nostro portico.


L'idea mi era piaciuta molto, perché:
- è esteticamente valida
- è funzionale (la tovaglietta può essere usata da sola oppure appoggiata sopra la tovaglia grande, per proteggerla un minimo dai soliti disastri di macchie)
- è facile da pulire e resistente
- è un modo per avere spesso sotto gli occhi un ricordo o un bel disegno cui siamo affezionati (anche un disegno del nostro bambino!!)
- è gradita e pure istruttiva:  soprattutto piace al Pulce che, curioso, ha subito (dai tre anni) cominciato ad usarla come gioco, associando le figure alle lettere dell'alfabeto.
Punti critici: sarebbe meglio se fosse fatta di una gomma più pesante e più morbida, invece della plastificazione standard da copisteria, perchè è troppo rigida e mantiene eventuali pieghe. Soprattutto sarebbe meglio riuscire a rendere gli angoli arrotondati, io però non ci ho mai provato. Io ho adottato la soluzione più semplice e immediata, ma se trovate una soluzione più efficace, fatemi sapere!
Il post potrebbe finire qui perché st'idea potrebbe già bastare così. Però una mia amica ha appena traslocato...

- - -



Insomma avevamo per casa questa bella tovaglietta, unica nel suo genere e che ci piaceva molto.. così  quando il Pulce aveva 3 anni e mezzo io e il Pulce abbiamo deciso di realizzare tovagliette americane fai te personalizzate per la Santa Lucia degli amichetti del Pulce (scrivo l'età perché ovviamente condiziona i passaggi che un bimbo potrebbe realizzare più in autonomia!).
Abbiamo fatto così:

Materiale:

- fogli grandi di cartoncino colorato pesante, di quelli che si comprano interi in colorificio. Secondo me meglio liscio, per la plastificazione
- dei fogli leggeri e carte colorati, adesivi o disegnini stampati (o anche foto, vecchi francobolli, cartoline e così via....)
- forbici
- matita e gomma
- pennarelli
- colla stick
- brillantini

Abbiamo tagliato a metà il cartoncino colorato grande e pesante, in modo da renderlo delle dimensioni adatte all'uso, un po' più grande della nostra prima tovaglietta. Perchè l'esperienza ci aveva insegnato che se si fa una tovaglietta troppo piccola è più facile che si arriccino gli angoli con l'uso (si piegano sotto le braccia..)!
Mentre il Pulce faceva dei disegni coi pennarelli sulle carte colorate, io disegnavo i nomi dei bambini a cui erano destinate le tovagliette e li ritagliavo con le forbici. Poi ho disegnato qualche stella nella carta crespa dorata, l'ho ritagliata ed ho ritagliato i disegni del Pulce. A lui ho dato da colorare le lettere dell'alfabeto illustrate che avevo stampato da qui (mi pare), mentre io cercavo vecchi adesivi e stampavo e tagliavo stickers di dinosauri per completare la decorazione della tovaglietta di un bimbo più piccolo ma già (anche lui) appassionato di preistoria.


Poi, col Pulce, abbiamo disposto i nostri ritagli sui cartoncini grandi (la base delle tovagliette) per comporre i nomi e qualche decorazione sul "lato A" delle tovagliette, e il Pulce li ha incollati con la colla stick.


Abbiamo messo altre figure sul "lato B", ad esempio un intero alfabeto illustrato, o i numeri fino al 10, o tanti piccoli dinosauri, cercando di cogliere il tema che avrebbe più potuto interessare al destinatario.


E.. non abbiamo potuto fare a meno di completare il tutto con una buona dose di brillantini...
Infine ho portato tutto a plastificare.

Ora: questo lavoretto non l'avevo mai fotografato perché le tovagliette le avevamo fatte al volo, in una buia sera di trasloco, e regalate subito finite.

Ma eccone rispuntare una dal trasloco di un'amica. Mi dice che sta tovaglietta rosa dopo due anni è ancora perfetta e sempre molto apprezzata dalla bimba grande, ma anche la bimba piccina adora guardare le piccole figure. La fotografo al volo ed eccola qui, si vede che era destino.

7 commenti:

  1. E' un'idea veramente carina! penso che potrei farla fare ai miei...ma la pulisci come?

    RispondiElimina
  2. Avrei bisogno una tovaglietta con le lettere dell'alfabeto russo. Che idea!

    RispondiElimina
  3. la plastificatrice è uno dei miei sogni segreti, prima o poi...

    RispondiElimina
  4. @ Ester: è plastica! una passata con la spugnetta e via!

    @ Tatiana: poi ci mostri?!?!?

    @ StimaDD: lo so, cara, lo so. Io per ora vado in copisteria e ciccia. Anche perché una che plastifichi cartoncini così grandi poi dove la metto!?!?!

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. Ciao, è una bellissima idea la tua, se vuoi fare a meno della plastificatrice vai in negozi tipo il brico e nel reparto dove vendono i rotoli di carta adesiva per i cassetti vendono anche un rotolo di plastica adesiva trasparente che lo puoi usare per plastificare i tuoi lavori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il complimento! Hai ragione, ci sono diversi metodi per plastificare. Ad esempio per piccole dimensioni uso il nastro adesivo trasparente che è sottile e perfetto. In questo caso ho preferito farmi fare la plastificazione da professionisti perché resta un bordo attorno termosaldato e mi sembrava ciò garantisse maggior resistenza, dato l'uso intensivo che se ne deve fare: almeno una passata di spugna umida ad ogni pasto!!!!!! ;-)

      Elimina

I commenti che mi lasci restano qui, arricchendo il post e questo spazio di condivisione

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...